Gruppo CDP: approvata la relazione finanziaria semestrale consolidata 2019

Comunicato stampa

Gruppo CDP: approvata la relazione finanziaria semestrale consolidata 2019

Mobilitate dal Gruppo 13 miliardi di euro di risorse anche grazie all’avvio delle iniziative di Piano in favore di imprese, infrastrutture, PA, territorio e cooperazione in ottica sostenibile

Utile netto CDP pari a 1,5 miliardi di euro (+9%), utile consolidato a 2,2 miliardi di euro

Raccolta postale in crescita ad oltre 260 miliardi di euro

 

Roma, 1 agosto 2019 h 19:47 - Il Consiglio di Amministrazione di Cassa Depositi e Prestiti SpA (CDP), presieduto da Massimo Tononi, ha approvato oggi la relazione finanziaria semestrale consolidata del Gruppo CDP al 30 giugno 2019 presentata dall’Amministratore Delegato Fabrizio Palermo.

 

Il Gruppo CDP a supporto dell’economia italiana
Nel primo semestre 2019, il Gruppo CDP ha mobilitato risorse per 12,8 miliardi di euro, attraverso:

  • CDP Imprese (11,1 miliardi di euro), per la crescita, l’innovazione e l’internazionalizzazione del tessuto imprenditoriale italiano;
  • CDP Infrastrutture, PA e Territorio (1,5 miliardi di euro), a favore di enti pubblici e per la realizzazione di opere infrastrutturali ed iniziative di riqualificazione urbana;
  • CDP Cooperazione (0,2 miliardi di euro), mediante la promozione di iniziative a sostegno dei Paesi in via di Sviluppo.

Il primo semestre dell’anno ha registrato un significativo cambiamento dell’operatività del Gruppo CDP attraverso l’attivazione di tutte le linee di intervento previste dal Piano Industriale 2019-2021 a favore di Imprese, Infrastrutture, PA, Territorio e Cooperazione Internazionale. 


Imprese
Nel primo semestre, il Gruppo ha realizzato iniziative per sostenere le imprese con un’offerta integrata, vicina alle loro esigenze e focalizzata su innovazione, crescita ed export, attraverso un canale fisico rafforzato ed un canale digitale.
Tra le iniziative si segnalano:

  • il rafforzamento del ruolo del Gruppo a supporto dell’innovazione, sia attraverso il lancio del Fondo Nazionale Innovazione, con una dotazione target di 1 miliardo di euro per lo sviluppo del venture capital in Italia, sia mediante finanziamenti diretti e indiretti alle imprese innovative;
  • la promozione della crescita delle imprese e dell’accesso al credito, attraverso: (i) accordi di collaborazione per lo sviluppo delle filiere produttive nei settori aerospazio e difesa (con Leonardo ed Elite),  agroalimentare e turismo (con il Ministero delle Politiche agricole alimentari forestali e del turismo, Coldiretti e Filiera Italia); (ii) l’Istituzione del Fondo “EuReCa Turismo” con la Regione Emilia Romagna per l’ammodernamento delle strutture turistiche del territorio; (iii) il lancio di “Officina Italia”, programma che coinvolge oltre 100 aziende per migliorare l’offerta di servizi e prodotti di Gruppo al servizio delle imprese e (iv) l’avvio di una partnership strategica con Assoconfidi e i principali Confidi italiani per il supporto alle PMI;
  • il rafforzamento del supporto all’internazionalizzazione, attraverso il lancio di nuovi prodotti digitali e l’avvio di iniziative di “educazione all’export” da parte del Polo SACE-Simest e (ii) l’emissione del primo Basket Bond per l’internazionalizzazione delle imprese appartenenti al Programma Elite.

 

Infrastrutture, PA e Territorio
Nel semestre, il Gruppo ha adottato un approccio proattivo a supporto delle infrastrutture, rilanciando una nuova partnership con la Pubblica Amministrazione sul territorio a supporto degli investimenti e dell’innovazione. Tra le iniziative si segnalano:

  • avvio dell'attività di advisory per il supporto alla PA, con i primi 3 accordi nei settori della salute e dell'istruzione;
  • primi 7 accordi con partner industriali per accelerare la realizzazione di infrastrutture nei settori portuale e marittimo, energetico, delle rinnovabili, digitale e sociale;
  • nuovi strumenti per favorire investimenti e innovazione della PA, quali il prodotto Anticipazioni di liquidità per lo smobilizzo dei debiti commerciali della PA verso le imprese (800 milioni di euro a beneficio di oltre 340 enti territoriali) ed il Prestito Investimenti Conto Termico, per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico;
  • interventi diretti sul territorio, con la firma di 3 protocolli d'intesa per lo sviluppo di città e aree metropolitane con i Comuni di Genova, Napoli e Perugia e l’avvio della riqualificazione dell’Ospedale a Mare di Venezia.

 

Cooperazione Internazionale allo Sviluppo
Il semestre segna l’avvio di un approccio proattivo da parte di CDP che, da gestore di risorse pubbliche, diviene anche finanziatore con risorse proprie della cooperazione internazionale allo sviluppo e promotore della finanza sostenibile. Tra le iniziative si segnalano:

  • finanziamento alla Repubblica di Tunisia per il supporto delle PMI locali facendo leva, per la prima volta, anche su risorse CDP;
  • finanziamenti per lo sviluppo dei servizi elettrici in Myanmar e delle infrastrutture ferroviarie in Afghanistan;
  • nuovo progetto “Risparmio senza Frontiere” per favorire il trasferimento di risorse finanziarie da libretti postali italiani a quelli tunisini, supportando gli investimenti della Cassa depositi tunisina per la crescita del proprio Paese e favorendo l’inclusione finanziaria dei migranti.

 

Nuovo modello di servizio
Nel corso del semestre è stato introdotto un nuovo modello di servizio incentrato su:

  • vicinanza al territorio, con l’apertura a Verona della prima sede territoriale di Gruppo di nuova generazione;
  • digitalizzazione, attraverso il lancio del contact center, il nuovo sito web più accessibile alle imprese e alla PA e nuovi cataloghi prodotti e servizi disponibili via web;
  • nuova brand identity, per rafforzare la missione istituzionale di CDP a supporto del Paese.

 

CDP per la sostenibilità
Coerentemente con le linee guida di Piano Industriale, nei primi sei mesi dell’anno CDP ha avviato una serie di iniziative volte ad integrare, per la prima volta, i principi dello sviluppo sostenibile nella propria operatività, quali:

  • la modifica dello Statuto per ampliare l’operatività di CDP a progetti di sviluppo sostenibile;
  • un accordo con la Banca Europea per gli Investimenti e gli altri Istituti di Promozione a livello europeo, per favorire progetti di economia circolare nei prossimi 5 anni fino a 10 miliardi di euro;
  • l’avvio del processo di misurazione dell’impatto sociale-ambientale, oltre che economico, dell’operatività di CDP;
  • progetti concreti per ridurre l’impatto ambientale di CDP e sensibilizzare le sue persone ad adottare comportamenti sostenibili quali la riduzione nei consumi di plastica e carta.


Risultati economico-patrimoniali1


Gruppo CDP
L’utile netto consolidato si è attestato a 2,2 miliardi di euro, sostanzialmente in linea con il risultato registrato nel primo semestre 2018, con un utile di pertinenza della Capogruppo pari a 1,4 miliardi di euro, in linea con il primo semestre 2018.

Il totale dell’attivo di Gruppo è salito a 438,4 miliardi di euro, in crescita rispetto ai 425,1 miliardi di euro del 2018. Il patrimonio netto si è attestato a 35,5 miliardi di euro, in leggera flessione rispetto al dato registrato al 31 dicembre 2018 (36,7 miliardi di euro).


CDP Spa
L’utile netto della Capogruppo risulta pari a 1,5 miliardi di euro, in aumento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (1,4 miliardi di euro). Margine di intermediazione in crescita a 2,0 miliardi di euro (1,9 miliardi di euro nel primo semestre 2018). 

Al 30 giugno 2019 il totale attivo risulta pari a 382,2 miliardi di euro, in aumento rispetto al 31 dicembre 2018 (370 miliardi di euro). In particolare, le disponibilità liquide ammontano a 167 miliardi di euro (-0,5%), i crediti verso clientela e banche si attestano a 100 miliardi di euro (-1,3%), i titoli di debito raggiungono i 68 miliardi di euro (+13,3%) e le partecipazioni salgono a 33,7 miliardi di euro (+1,8%).

Con riferimento al passivo, la raccolta complessiva risulta in aumento a 353,3 miliardi di euro (+3,1%) ed è costituita da raccolta postale per 260,3 miliardi di euro (+0,9%), raccolta obbligazionaria per 20,2 miliardi di euro (+6,3%) e raccolta da banche e clientela per 72,8 miliardi di euro (+11,1%).

Nel primo semestre 2019 si è rafforzato il rilancio del risparmio postale, con un forte miglioramento della raccolta netta CDP rispetto al primo semestre 2018 (+1,4 miliardi di euro). Nel corso del primo semestre sono inoltre proseguite le azioni di diversificazione della raccolta attraverso nuove emissioni obbligazionarie per circa 2,5 miliardi, tra cui il nuovo Social bond da 750 milioni di euro per finanziare interventi di edilizia scolastica e riqualificazione urbana e la nuova obbligazione retail per 1,5 miliardi di euro emessa nel mese di giugno.
Il patrimonio netto è pari a 23,9 miliardi di euro (24,8 miliardi di euro a fine 2018).

 

1I dati del Gruppo CDP e di CDP S.p.A., di seguito illustrati e commentati, sono rappresentati dai dati patrimoniali ed economici, riclassificati secondo criteri gestionali attualmente in uso, come illustrati nei prospetti di raccordo allegati. I dati comparativi si riferiscono ai dati riclassificati relativi al 31 dicembre 2018 per la situazione patrimoniale e al 30 giugno 2018 per la situazione economica. I dati comparativi non includono gli effetti derivanti dall’applicazione del nuovo principio contabile IFRS 16 “Leasing”. Gli schemi riclassificati ed i prospetti di raccordo sono riportati in allegato.

Si precisa che la Società di revisione sta completando la revisione contabile limitata del bilancio consolidato semestrale abbreviato al 30 giugno 2019. Gli schemi riclassificati riportati in allegato non sono oggetto di verifica da parte della stessa.

Il Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Paolo Calcagnini, dichiara ai sensi dell’art. 154-bis, comma 2, del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

La Relazione Finanziaria Semestrale 2019, unitamente all’attestazione prevista dall'art. 154-bis, comma 5, del Testo Unico della Finanza e alla relazione della Società di revisione, sarà messa a disposizione del pubblico, presso la sede sociale, sul sito internet di CDP e con le altre modalità previste dalla normativa vigente, entro i termini di legge.

Documenti correlati