Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/96) | CDP

Fondo di garanzia per le PMI (Legge 662/96)

Supporto al Fondo di Garanzia per le PMI tramite l’apporto di fondi pubblici e privati

CDP è impegnata nel rafforzamento patrimoniale del Fondo di Garanzia per le PMI mediante interventi di contro-garanzia che utilizzano fondi pubblici comunitari ovvero tramite risorse apportate da soggetti pubblici o privati, con l’obiettivo di sostenere l’accesso alle garanzie pubbliche da parte delle imprese italiane

Imprese famiglia - innovazione crescita

A chi è rivolto

  • PMI, come da definizione della Commissione Europea inclusa nella Raccomandazione 2003/361/CE
  • Professionisti appartenenti a qualsiasi settore con l'eccezione di quelli esclusi in base alle disposizioni operative del Fondo, in relazione a qualsiasi tipo di operazione, sia a breve che a medio-lungo termine, tanto per liquidità quanto per investimenti.

Come funziona

L'intervento di garanzia del Fondo è concesso fino ad un massimo dell'80% del finanziamento.
Il Fondo garantisce a ciascuna impresa o professionista un importo massimo di 2,5 milioni di euro, un plafond che può essere utilizzato attraverso una o più operazioni, fino a concorrenza del tetto stabilito, senza un limite al numero di operazioni effettuabili.
La garanzia del Fondo è gratuita per numerose tipologie di imprese e per tutte quelle ubicate nel Mezzogiorno.
Per aumentare il volume di garanzie rilasciate dal Fondo a parità di risorse pubbliche impiegate, CDP ha attivato due principali operazioni di contro-garanzia di tale strumento, basate sull’utilizzo di fondi messi a disposizione dalla Commissione Europea e gestiti dal Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI).
Nel 2017, avvalendosi di risorse del programma europeo COSME , CDP ha realizzato un primo intervento  in favore del Fondo, garantendo all’80% un portafoglio di nuove operazioni originate da quest’ultimo, per un valore complessivo di 3.110 milioni di euro.
Una seconda operazione  di contro-garanzia, che utilizza le risorse del programma europeo “Europa Creativa”,  è stata invece realizzata nel 2018 e riguarda la copertura, sempre all’80%, di un portafoglio di nuove operazioni originate dal Fondo, per un valore complessivo massimo di 200 milioni di euro, in favore delle imprese operanti nei settori creativo-culturali.
Alla luce del successo della prima operazione supportata dal Programma COSME - grazie alla quale il Fondo di Garanzia per le PMI ha erogato, in meno di 20 mesi, nuove garanzie per 2.488 milioni di euro, in favore di circa 47 mila PMI, che hanno avuto in questo modo accesso a finanziamenti per circa 4,2 miliardi di euro – a giugno 2019, CDP ha attivato una nuova operazione COSME che consentirà il rilascio di nuove coperture all’80% da parte di CDP, in favore del Fondo, su un portafoglio di nuove operazioni di garanzia del valore massimo di 3.750 milioni di euro.

CDP è inoltre abilitata a costituire “sezioni speciali” presso il Fondo, utilizzando risorse pubbliche o private, con l’obiettivo di mantenere la percentuale di garanzia al livello massimo previsto dalla normativa.

Come richiederlo

Per inoltrare la domanda al Fondo di Garanzia per le PMI, l'impresa o il professionista può rivolgersi:

  • a una banca per presentare domanda di finanziamento, richiedendo contestualmente che sul finanziamento venga acquisita la garanzia diretta del Fondo. Sarà poi la banca stessa ad occuparsi della domanda;
  • a un Confidi accreditato che garantisce l'operazione di finanziamento in prima istanza e richiede la controgaranzia al Fondo.

Desideri maggiori informazioni?